fbpx
Assemblee condominiali, cosa cambia dopo il 1° aprile 2022? - Bein
17652
post-template-default,single,single-post,postid-17652,single-format-status,bridge-core-1.0.4,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-18.0.6,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.2,vc_responsive

Assemblee condominiali, cosa cambia dopo il 1° aprile 2022?

Regole principali

Dal primo di aprile cambiano le cose anche per l’assemblea condominiale. Il decreto emergenza Covid giunge al termine e anche le regole da osservare in presenza alla riunione di condominio si alleggeriscono. Rimane l’obbligo di mascherina per i luoghi al chiuso (articolo 5, comma 2, del Dl 24/ 2022) e quello di Supergreenpass per accedere alle assemblee condominiali che si svolgono in centri culturali, centri sociali e ricreativi, al chiuso, (articolo 7, comma 1, lettera c). Il distanziamento tra condomini non è più necessario così come il controllo delle autocertificazioni che era prassi richiedere all’ingresso.

Cosa cambia per gli amministratori?

Per gli amministratori di condominio decade la responsabilità del controllo dei dati sanitari dei partecipanti. Infatti con la fine dello stato di emergenza l’interesse legittimo decade e quindi il controllo non è più necessario, anche se rimane il rispetto degli obblighi individuali per tutti i presenti. L’isolamento spetta a chi sia positivo al Sars-Cov 2 (articolo 4, comma 1, del Dl 2 4 /2022). L’autosorveglianza, per chi ha avuto contatti stretti con positivi, consiste nell’obbligo di indossare mascherine Ffp2 (articolo 4, comma 2, del Dl 24 /2022) per dieci giorni dal contatto. 

Raccomandazioni utili

Le assemblee di condominio soprattutto quelle con molti partecipanti hanno comunque la possibilità di essere considerato un assembramento perciò può essere utile mantenere un ricambio di aria costante in sala e un distanziamento minimo tra le persone. Se poi si vuole convocare un’assemblea in un luogo più ampio come i circoli culturali bocciofile o simili permane per il mese di aprile, il Greenpass rafforzato per accedere. Chi rimane escluso dalla partecipazione può richiedere l’annullamento della delibera magari relativa ai lavori del superbonus.

L’assemblea ibrida, una valida alternativa

Due anni di Covid ci hanno permesso di sperimentare una nuova forma di assemblea condominiale, quella ibrida, dove una parte dei partecipanti è in presenza e l’altra è collegata con il proprio device. L’assemblea ibrida deve rispettare le stesse norme di quella in presenza quindi scegliere la piattaforma giusta sulla quale convocare l’assemblea è fondamentale.

No Comments

Post A Comment